RICERCA ALLOGGIO
RICERCA ALLOGGIO


Notti
Partenza : 03/05/2017
Occupanti per camera/alloggio
Numero Adulti
Numero bambini

Trekking in Val di Fassa, una passione che contagia sempre più


Fino in cima. Chi stregato dal fascino delle Dolomiti della Val di Fassa non ha mai sognato di raggiungerne le vette? Un desiderio facile da realizzare perché queste montagne sono solcate da più di 2.440 km di itinerari. La scelta è vastissima: si parte dalle passeggiate in fondovalle, perfette per famiglie con bambini, fino alle vie attrezzate o ferrate che risalgono le vertiginose pareti dolomitiche. Fra questi due estremi, si apre tutto un mondo dedicato all’escursionismo, il "re" dell’estate in Val di Fassa, con percorsi in quota più o meno impegnativi.
Vi garantiamo emozioni vibranti, difficili da dimenticare. Non escludiamo che, una volta rientrati a casa, possiate essere contagiati dalla "Fassanite", per la quale al momento non esiste cura. I "sintomi" si manifestano con una fortissima nostalgia della Val di Fassa. Per allievarli si consigliano solo lunghi e ripetuti soggiorni in valle.

Dolomiti Walking Hotels


Gli hotel in Val di Fassa a misura di escursionista

Se il trekking vi appassiona trascorrete la vostra vacanza in Val di Fassa in uno degli esclusivi Dolomiti Walking Hotel, un club di prodotto dedicato non solo agli escursionisti esperti ma anche a quanti si accostano per la prima volta alla montagna. Ogni hotel offre una calorosa ospitalità, una sfiziosa cucina, escursioni guidate, servizi specializzati pensati per i camminatori e tutto l’occorrente per affrontare semplici passeggiate o trekking più impegnativi. Questi alberghi a gestione familiare fanno dell’amore per la montagna una vera e propria filosofia di vita.


Idee e proposte di escursioni

Trekking no stop in Val di Fassa

Lo spettacolo oltre le cime delle Dolomiti di Fassa

1.252 km di sentieri e 1.190 km di strade sterrate, per centinaia di tracciati tra percorsi Sat (Società Alpinistica Tridentini) e strade forestali che percorrono in lungo e in largo la Val di Fassa. Tra questi di grande suggestione sono il Dolomiti Panorama Trek, il Sentiero della Pace, l’Alta Via delle Dolomiti e la Via Alpina, escursioni di più giorni, pensate per attraversare le montagne senza mai tornare a valle, facendo tappa nei rifugi e coprendo distanze di svariati chilometri. Nessun escursionista vi potrà mai descrivere a parole l’emozione di alzarsi all’alba per ammirare l’Enrosadira, quel miracolo della natura che infuoca, alle prime luci del giorno, le cime delle Dolomiti. Tra gli itinerari storici è d’obbligo menzionare:

  • L’antica Strada del sale e del vino, un percorso addirittura d’epoca preistorica che collega Campitello di Fassa, attraverso la Val ed il Passo Duron, all’Alpe di Siusi. Era un’importante via di comunicazione per scambi commerciali con le popolazioni di Siusi, Castelrotto e Tires. Sentiero n. 532
  • Viel dal Pan (Bindelweg in tedesco), è uno dei più bei sentieri panoramici che collega il Passo Pordoi al Passo Fedaia. Dal ladino "via del pane" perché in passato era l’itinerario preferito dai commercianti bellunesi di farina che raggiungevano la Val di Fassa. Sentiero n. 601
  • Friedrich August Weg, inaugurato il 30 luglio del 1911, è dedicato al re Federico Augusto III di Sassonia, assiduo frequentatore della valle. Il sentiero collega il valico del Sella attraverso Sella Rodella all’ex rifugio Seiseralpe. Sentiero n. 557
  • Grande Guerra. Le tracce del Primo Conflitto Mondiale e delle aspre battaglie combattute in quota sono ancora ben visibili sul territorio della Val di Fassa, in particolare nella zona della Marmolada e del Passo San Pellegrino (Cima Bocche e Creste di Costabella). Per immergersi nella storia ci si può appoggiare alle nostre guide alpine che organizzano escursioni settimanali nei luoghi toccati dal conflitto.
  • Elisabeth Promenade, era una delle passeggiate preferite dall’imperatrice d’Austria "Sissi", che al Passo Costalunga trascorse diversi periodi di vacanza estivi alloggiando presso il Grand Hotel Carezza. Partendo dalla stazione a valle della seggiovia Paolina, l’itinerario conduce al monumento all’imperatrice (Elisabeth-Denkmal) sopra i masi di Nova Levante.
  • Sentiero del Majarè (Hirzelweg), panoramico percorso in quota che aggira le propaggini del Majarè (Catinaccio). Si passa d’innanzi all’aquila di bronzo realizzata in ricordo di Theodor Christomannos, medico meranese di origine greca fautore dello sviluppo turistico delle Dolomiti. Sentiero n. 549


Iniziative, gite in montagna ed escursioni per gli ospiti della Val di Fassa


Guide Alpine

Sicuri in montagna con le guide alpine e gli accompagnatori di territorio

Il trekking è una delle attività sportive più praticate in Val di Fassa durante l’estate. E’ un modo di fare vacanza in cui l’immersione totale nella natura si unisce a quel senso di libertà che si assapora una volta raggiunta la vetta. Una grande risorsa per gli amanti della montagna è rappresentata dalle guide alpine ("Omegn da Mont" in ladino), dei veri e propri "angeli custodi" per chi cammina in quota. Esperienza e professionalità si riflettono in un serrato programma di escursioni, corsi di roccia e di arrampicata sportiva. Chi non conosce la montagna ha bisogno di qualcuno che lo aiuti a viverla in tutta la sua bellezza e che lo conduca passo passo in questo meraviglioso territorio. Accanto alle guide alpine ci sono poi gli accompagnatori di territorio. La legge provinciale 20/93 definisce la loro professione come "l’accompagnamento di persone in escursioni in ambiente montano, attraverso sentieri e zone di particolare pregio naturalistico, etnografico o geologico, fornendo elementi conoscitivi ed informazioni riguardanti i luoghi attraversati". Si tratta quindi di esperti che accompagnano gli ospiti alla scoperta della Val di Fassa, rilanciando un turismo "soft", non invasivo e non di massa.


Rifugi, impianti e navette

Ospitalità in alta quota

Rifugi e bivacchi in montagna
Dall’Alpe di Lusia alla Marmolada, dal Sella al Catinaccio: un itinerario tra le vette più celebri delle Dolomiti dormendo in rifugio. Sicuramente è una vacanza alternativa, a stretto contatto con la natura, riservata solo ai veri montanari. Situati ai piedi di vette spettacolari, agli incroci dei sentieri più battuti, a ridosso delle diverse vallate, i rifugi sono i punti di riferimento indispensabili per chi vive la montagna. Offrono un’ospitalità semplice, familiare, del tutto genuina. Si assaporano piatti cucinati alla vecchia maniera, si ascoltano le storie e le leggende ladine narrate dai gestori, magari davanti al fuoco di un camino, si scambiano esperienze ed opinioni con gli altri escursionisti.
Ai rifugi alpini/escursionistici si affiancano i bivacchi sulle cime più impervie e nascoste, i ristori con tanto di terrazza panoramica all’arrivo degli impianti di risalita e le malghe dove rifocillarsi con i prodotti di montagna.


Servizi e trasporti in montagna

Impianti di risalita, navette e bus
Il tuo spirito di avventura non potrà mai esaurirsi in Val di Fassa perché qui sono talmente tanti i sentieri e le vie attrezzate da percorrere che un’estate sicuramente non basta. I più temerari partono dal fondovalle e risalgono esclusivamente a piedi le vertiginose cime delle Dolomiti. Ma queste montagne sono accessibili a tutti, grazie agli impianti di risalita aperti da giugno ad ottobre e ai bus navetta che accorciano le prime salite. Il rientro a valle non è un problema, si torna facilmente alla località di partenza con i mezzi pubblici o i transfer organizzati.



tourist-guide
VAL DI FASSA TOURIST GUIDE

Scarica l’App ufficiale della Val di Fassa.

Val di Fassa Tourist Guide è l’App mobile gratuita per tablet e smartphone che ti permette di scoprire la valle in un "touch". Disponibile per iPhone e Android

DEPLIANT E BROCHURE

Scarica o sfoglia online le nostre brochure. Di alcune potrai richiederne una copia, che ti verrà spedita a casa

Seguici su